L’autostima e i tre fattori

Home/Crescita personale/L’autostima e i tre fattori

Pensare bene di sé è puramente una questione di autostima di amor proprio, e l’autostima, se prima era considerata un fondamento per una vita degna, oggi è l’unico appiglio rimasto per non sprofondare nella tristezza infinita.

Il sistema porta a credere di essere incapaci, inadatti e inefficaci.
Ogni tentativo di modificare le cose rimbalza contro un muro di gomma, di intricate ragnatele burocratiche o peggio, rimbalza contro lo scudo e il manganello di chi ha giurato di difendere i diritti di tutti e si trova suo malgrado a difendere i diritti di pochi eletti che neanche a dirlo, non sono stati eletti da nessuno.
Però di autostima ci si può abbuffare fino all’indigestione.
L’idea di sentirsi una persona degna, affidabile e capace, senza per questo essere prevaricatore, in grado al tempo stesso di essere pericoloso per chi cerca di distruggere questa personalissima sensazione è un tutt’uno per chi desidera conservare amor proprio; “ama il prossimo tuo come te stesso” recita un vecchio adagio, molto più antico di quanto si supponga e vero in quanto tale, non certo perché ripreso da persone di indubbio valore.
Quindi questa sensazione è personale, si tratta di un credo individuale.
Prima o poi però qualcuno potrebbe anche pensare che non sia vero, che sia solo il frutto di una fantasia.

Sarà poi vero che sono una bella persona?

Che prove ho a sostegno di questo credo?
Ecco a coloro che, come me, ogni tanto sono in dubbio, rivelo tre fattori da osservare, di cui uno è fondamentale nella sua drammaticità. Ma andiamo con ordine.

Il primo fattore è che che la gente a stretto contatto con te sta bene, è felice, si sente bene.

Magari non è sempre d’accordo con le tue idee, ma ama parlare con te, ti cerca.
Si tratta in genere di poche persone che vicino a te non peggiorano e spesso trovano spunti per migliorarsi e di riflesso migliorarti.

Il secondo fattore è che ogni tanto, come una calamita, attiri o vieni attirato da persone splendide e ti verrebbe voglia di ringraziare l’intero universo per quell’incontro.

Persone con cui ti sembra di parlare da sempre, con cui non hai mai attraversato una piazza anche se in loro compagnia ti sembra di aver circumnavigato il globo. Pochi incontri, rari e magici e in quelle occasioni senti di essere sulla strada giusta, poco importa se anche l’altro sta pensando la stessa cosa, poco importa se lui è approdato a te o tu sei approdato a lui.

Il terzo fattore è che, se la tua autostima è evidente, molti si allontanano, quasi non sopportassero la tua presenza e a volte ti senti sbagliato per questo.

Se non esistessero i primi due punti potresti pensare che veramente hanno ragione coloro che ti schivano e fra coloro che vorrebbero schivarti ci sono quelli che loro malgrado, per lavoro, per affari o per legami vari, sono costretti a rimanerti vicino.
Non vorrebbero essere li con te, vorrebbero essere li e basta, ma non con te e qui accade il fatto drammatico, che se visto dal lato sbagliato potrebbe causarti qualche dubbio o turbamento.
Costoro impazziscono.
Li vedrai soffiare come gatti furiosi, ti aggrediranno inondandoti ti schifezze, epiteti, accuse, inizialmente velate e via via sempre più marcate.
Si contorceranno come in preda a convulsioni, soprattutto se non reagisci.
La tua calma, fondata sulla tua certezza di essere comunque una bella persona porterà la loro angoscia a livelli incredibili e faranno di tutto per vincerti, per portarti a credere che in fondo non è poi vero che sei come credi.
Comportamento drammatico e patetico, ma comunque degno di nota.
È quando vedi questa scena raccapricciante che sai quanto è importante l’amor proprio.
Il fatto che stai bene li fa impazzire e al contempo fa star bene nei fatti coloro che ti sono vicini e a questo punto delle due l’una, o chi ti stima si sbaglia ed è incapace di valutare, o lo è chi ti attacca.
Io non ho dubbi e quindi ogni volta che accade (raramente per fortuna) mi faccio i complimenti da solo.
Questo è l’indizio migliore.
Più costoro sbavano d’ira repressa più so che, pur con tutti i difetti e le lacune, sto camminando sul giusto sentiero.
Ma a questo punto potresti chiedere “va bene, ma come faccio ad ottenere l’autostima”?
Ti rispondo che ci sono diverse strade e che io ne ho messa a punto una, semplice ed efficace.
Se desideri la puoi apprendere e mettere in pratica in modo veloce, con risultati strabilianti e inattesi, partendo dal mio libro “SCALATA ALLA LIBERTÀ”.

Suggerimenti utili

SCALATA ALLA LIBERTÀ è un libro rivolto a tutti.

Descrive un viaggio tra coscienza e conoscenza per arrivare ad ottenere la libertà personale affinché l’individuo possa godersi la sua vita in modo autentico e sincero.
Solo la comprensione e la gestione di questa conoscenza permette di acquisire e rendere stabile la libertà.

Acquistalo!

logo_liberodi

Cliccando verrai reindirizzato alla mia piattaforma di e-commerce.

2017-06-22T11:48:40+00:00

Scrivi un commento